05/10/2018 Sport
CRA dell’Agro Pontino vince la Champions Bank

Battuti in finale (3-1) i croati di PZB Intesa. Tricolore e Inno di Mameli nello stadio della finale. Il Presidente Maurizio Manfrin: «In campo, la nostra filosofia di banca: senso d’appartenenza e percorsi comuni». Il Direttore Generale Gilberto Cesandri: «I nostri ragazzi hanno vinto perché sono squadra anche fuori dal campo da gioco»

La Cassa Rurale ed Artigiana dell’Agro Pontino, sul trono d’Europa. I ragazzi del Presidente Maurizio Manfrin e del Direttore Gilberto Cesandri, stavolta l’hanno combinata davvero grossa. La squadra pontina, infatti, ha vinto la Champions Bank, la Champions League del sistema bancario. A Zagabria, si sono incontrate le migliori 48 formazioni calcistiche europee. I ragazzi italiani hanno battuto in finale 3 a 1 i croati di PZB, ribaltando pronostici e portando a casa la rivincita di un anno fa, quando le due formazioni si ritrovarono (sempre in finale, ma con risultato diverso).

Così, per qualche giorno, i bancari, hanno messo da parte giacca e cravatta, moduli e conti e inforcato scarpini e parastinchi per cercare di portare in alto il nome della propria banca, come avviene nel lavoro quotidiano che vede la Cassa Rurale ed Artigiana dell’Agro Pontino, ai vertici dell’eccellenza del sistema bancario italiano.

«Siamo orgogliosi dei nostri ragazzi – dice il Presidente Maurizio Manfrin – che ancora una volta hanno dimostrato senso di appartenenza, capacità di soffrire, lavorare insieme, diventando tutti a pari merito protagonisti assoluti. E’ l’essenza e la nostra filosofia di fare banca ogni giorno: cercare di essere squadra con il territorio, con le imprese, le famiglie. Essere un punto di riferimento. Solo così si riescono a superare momenti difficili, creando condizioni ottimali per dare vita ad un circuito virtuoso in grado di essere volàno per la nostra economia. Lo sport da sempre è metafora di vita, e anche questa occasione ne è una conferma». Per il Direttore Generale Gilberto Cesandri, «Questo è il risultato di ogni collaboratore della Cassa Rurale ed Artigiana dell’Agro Pontino; donne, uomini, giovani e meno giovani che hanno colto nella nostra azienda un filo conduttore unico: fare squadra ricercando fattori e occasioni per cementare ulteriormente un team composto da varie professionalità e umanità, ma comunque molto affiatato. Se i nostri ragazzi hanno raggiunto questo prestigioso risultato, hanno potuto farlo solo perché sono una squadra anche fuori dal campo da gioco».

La finale con i croati di Intesa PZB alla vigilia era particolarmente temuta, conoscendo l’epilogo delle scorse edizioni. Ma i ragazzi della BCC dell'Agro Pontino, che hanno avuto al loro fianco in quest’avventura il Presidente e il Direttore Generale non si sono lasciati intimorire e, anzi, hanno cercato di alzare ulteriormente il livello disputando la partita perfetta, nonostante la stanchezza accumulata nei giorni precedenti. Pronti, via e si capisce fin da subito che quest’anno l’Inno di Mameli e il Tricolore riempiranno lo stadio di Zagabria. Il vento freddo non gela gli animi che già dai primi minuti regalano una gara senza storia e con un risultato che poteva andare ben oltre il 3-1 finale e coronando una favola il cui epilogo non era certo scontato, ma che è stato vergato, match dopo match grazie ad una serie di prestazioni eccezionali dei nostri ragazzi.

Pontinia 1

Pontinia 2

Pontinia 3


 

Banner
InvestiPer Scelta

CartaBCC - Una carta per ogni esigenza